08 giugno 2012

11?

L'amica Silvia del blog "Rumore di fusa" mi ha passato la "palla" del gioco dell' 11.
Lo sapevo che prima o poi, gira che ti rigira sarebbe arrivato da me :-)
Le regole del gioco sono
1) raccontare 11 cose di sè 2) Rispondere alle domande ricevute 3) Formulare altre 11 domande e passarle agli amici.
Grazie Silvia, ora provo a giocare, prima ti regalo un fiore del mio giardino! :-)

 1) Raccontare 11 cose di sè 

Questo lo salto. A più riprese in questi 7 anni di blog ho parlato di me, non vorrei annoiarvi ulteriormente!

2) Rispondere alle domande ricevute

1. Qual è stato l’ultimo libro letto? 
L'ultimo libro che ho letto e che mi ha emozionato è "Domani nella battaglia pensa a me" di Javier Marias.
Un titolo tratto da Shakespeare per una storia ambietata a Madrid. 
Un uomo scava nella vita di una donna conosciuta da pochissimo, che gli è morta tra le braccia.
La ricerca della verità ..per scoprire che nessuno è come sembra.
Cervellotico come una partita a scacchi e molto emozionante, è una lettura in sintonia col mio attuale stato d'animo. "Vivere nell'inganno è facile ed è la nostra condizione naturale. Raccontiamo solo una parte e mai le stesse parti alle diverse persone che ci circondano"


2. Sei felice della strada (di studio o di lavoro) intrapresa finora? 
 Si, sono abbastanza contenta di quello che sto facendo. Non c'è nient'altro che vorrei fare in questo momento.


3. Se dovessi rinascere e rivoluzionare completamente la tua vita, cosa vorresti fare?
 Se dovessi rinascere? Uhhh vivrei un'altra vita! 
"Se dovessi rinascere farei l'idraulico" ha detto Albert Einstein, lui aveva le idee chiare..io invece vorrei fare mille cose diverse,non ho ancora deciso, ma so benissimo cosa NON rifarei!


4. Qual è stata l’ultima buona azione fatta?
 Passare un intero pomeriggio ad ascoltare lo sfogo di un'amica per consolarla.


5. Credi nell’oroscopo?
 Non credo nell'oroscopo, quando mi capita di leggerlo cerco di trovare le analogie nella vita di tutti i giorni, quasi per gioco.


6. Qual è stata una gaffe simpatica che puoi raccontare?
Parlare per mezzora al telefono con una persona e rendermi conto solo alla fine, al momento dei saluti, che era un'altra.


7. Di solito vedi il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?
 Il mio bicchiere a volte è vuoto, a volte pieno, dipende dall'umore, sono quel che si dice lunatica e volubile.


8. Qual è stata l’ultima torta assaggiata?
 L'ultima torta assaggiata è stata una torta alle fragole preparata da un'amica per festeggiare il mio compleanno una settimana fa.


9. Qual è, secondo te, una cosa che se tutti facessimo, migliorerebbe il mondo?
 Io credo che se tutti avessero chiaro in testa che su questa terra siamo solo di passaggio, il nostro sarebbe un mondo migliore.
Siamo solo i custodi del pianeta, non i padroni.
Altra frase di Einstein, una delle ultime, "Ricordatevi che siete uomini e dimenticatevi tutto il resto".


10. Qual è la tua poesia preferita?
 Ci sono dei versi che amo molto e che rileggo nei momenti di travaglio interiore,
le poesie d'amore di Pablo Neruda, Ossi di seppia di Eugenio Montale.
Che ne dite di questi pochi versi, non sono bellissimi?


T'amo senza sapere come, né quando, né da dove,
t'amo direttamente senza problemi né orgoglio:
così ti amo perché non so amare altrimenti

che così, in questo modo in cui non sono e non sei,

così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno.


11. Mi scrivi qualcosa nel tuo dialetto?
 Non parlo bene il dialetto romagnolo, ma lo capisco.
La prima frase che mi viene in mente in dialetto è una domanda : Te ad chi sit e fiol?  Tu di chi sei il figlio?
l'ho sentita tante volte, è legata al ricordo del mio babbo, la rivolgeva a chiunque io portassi a casa, di chi sei il figlio?
Per capire l'identità di qualcuno, in un paese dove tutti si conoscevano questa era la domanda di rito.


3) Formulare altre 11 domande e passarle agli amici.
1) Descriviti con 5 aggettivi.
2) Cosa sognavi di fare da piccola e cosa fai ora.
3) Quali sono le tue paure più grandi?
4) Se potessi salvare solo un libro, quale salveresti?
5) La parola che odi di più?
6) Credi nel destino?
7) Se potessi scegliere in quale epoca storica vorresti vivere e perchè?
8) La prima cosa che guardi in un uomo
9) Cosa porteresti con te su un isola deserta?
10) L'evento che ha cambiato o dato una svolta alla tua vita.
11) Mi scrivi qualcosa nel tuo dialetto?


Uhh che impresa ciclopica questo Meme! A chi lo passo? Ho poche conoscenze nella blogosfera e non vorrei disturbare... ho deciso di passarlo a tutte le amiche che hanno commentato il post precedente, quello del germano reale. Se vi piace questo gioco, lasciate un commento qui e prelevate le domande! ciao








Posta un commento