24 marzo 2009

Chouzouris

I ritratti sono sempre una sfida, tanto impegnativi quanto istruttivi, perchè ogni volta devo studiare come cogliere la somiglianza e non è per niente facile.
Chouzouris è il primo di due gatti greci. La cliente mi ha fornito molte belle foto, quindi i riferimenti ci sono, stampati a tutta pagina per vederli bene.
La prima cosa è lo schizzo, non sono così brava da dipingere direttamente sul sasso, ho bisogno del disegno di partenza, è essenziale. Il gatto in foto è già in posizione utile, ho solo modificato lievemente l'inclinazione della testa, altrimenti l'orecchio usciva dal sasso.


Poi mi sono concentrata sul muso, sfumature grigio-azzurre e grigio-rosate, ho aggiunto un'accenno di collarino perchè un tocco di colore ravviva il nero.
Il fatto che il gatto sia nero rende tutto più complicato, ma lo scoglio è quella dolcezza che traspare dalla foto,..dov'è, dove la compro, c'è un tubetto di dolcezza già pronto da mettere nella mia tavolozza? :)

Ora dovrebbe essere finito, fatte salve le ultime correzioni. Non stendo mai la vernice protettiva prima di aver mostrato il sasso al cliente, sono aperta a qualsiasi suggerimento. Per esempio, oggi quando l'ha visto mio figlio, mi ha detto " sembra che stia mangiando una foglia"! Il cinturino verde-acido del collare può generare confusione, sono stata indecisa se toglierlo o no, chiederò.
Posta un commento