28 luglio 2009

Gli acrilici

La pittura acrilica è uno dei medium più versatili perchè può essere usata su quasi tutte le superfici, ad esclusione di quelle oliate o incerate, quindi non solo su tela, ma anche su terracotta, pietra, legno, stoffa.
L'acrilico è una invenzione abbastanza recente, è stato commercializzato per la prima volta negli anni 60, è composto da pigmenti emulsionati a polimeri e viene diluito con l'acqua.
Attualmente esistono due tipi di acrilico, quello tradizionale e quello "nuovo".
Il tradizionale, in commercio da 50 anni è l'acrilico che asciuga in fretta, è prodotto da tantissime marche : Liquitex, Windsor and Newton, Golden, Pebeo, Maimeri e tante altre.
L'acrilico più nuovo non asciuga così in fretta e può essere riattivato una volta asciutto, è venduto da Golden e Chroma.
Io lo trovo un medium molto versatile, può essere usato denso e pastoso come i colori a olio, oppure diluito per la tecnica all'aquerello, miscelando i colori si ottengono tutte le tonalità possibili e si presta a tutte le tecniche, dry brush, velature, bagnato su bagnato, ecc.
Dopo 20 minuti al massimo il dipinto è asciutto e pronto per essere trasportato. Si può proteggerlo con una vernice trasparente finale, ma non è tassativo, in quanto l'acrilico è già impermeabile di suo.
Asciuga velocemente e questo a volte è un handicap, ma ci sono degli accorgimenti che rallentano la sua evaporazione e i danni che essa comporta:
1) Lavare subito i pennelli con acqua.
2) accertarsi sempre di aver chiuso ermeticamente i tubetti di colore

3) spruzzare acqua sui colori nella tavolozza, o ancora meglio..
4) munirsi di una tavolozza umida ( la Masterson Sta Wet Palette per me è una manna, mantengo i colori freschi per settimane!)
5) Usare un gel ritardante da mescolare ai colori.

12 commenti:

Alessandra ha detto...

Ti ho sempre detto che sei una bravissima insegnante e lo ribadisco! Molto interessanti le tue spiegazioni sui colori e gli approfondimenti sull'acrilico. Brava Erne!!!!

valeria ha detto...

Fantastico...non ne sapevo niente...sono una autodidatta,a quanto pare non molto informata...la tavolozza è fantastica spesso riesco a preparare solo il colore e non lo utilizzo perchè i miei piccoli angeli(3anni uno e 3 mesi l'altro)richiedono le mie attenzioni...non vedo l'ora di averla...complimenti per i tuoi lavori
www.unmondodilegno.com

Ricciolo Creativo ha detto...

Trovo il tuo blog particolarmente interessante. Ho imparato a dipingere da autodidatta e anche a me queste notizie sui colori non erano ben chiare grazie.
Adoro raccogliere sassi sulla spiaggia ma non ho mai pensato di dipingerli fino a quando non mi sono imbattuta nel tuo blog, mi piacerebbe imparare cercherò di "rubarti" un po di informazioni visitando il tuo sito.
Cmq davvero complimenti i tuoi gatti sembrano veri.
Saluti
Beatrice

Ernestina ha detto...

Grazie Ale!
Ciao Valeria, si, la tavolozza umida è molto utile, se usi gli acrilici te la consiglio vivamente!
Ciao Beatrice, ti ringrazio del commento, dipingere i sassi è bello anche perchè non è impegnativo, niente tele da comprare, cornici, fissativi...basta raccogliere un sasso, è un invito a provare!
ciao

Rita B. ha detto...

Scusa se ripesco questo post vecchio ma io non l'avevo letto!
Non conoscevo il tipo di acrilico nuovo di cui parli!Come fai a riprenderlo da asciutto,si usa un liquido particolare?Io uso gli acrilici e appunto quello che non mi piace è il tempo troppo rapido di essicazione!Grazie ciao!

Ernestina ha detto...

Ciao Rita, gli acrilici tradizionali vanno benissimo, li uso anch'io!
Il tipo nuovo della Golden americana non è commercializzato in Italia.
L'unica soluzione è procurarsi una tavolozza umida, così i colori si mantengono freschi per molti giorni e se ne consumano di meno.

Rita B. ha detto...

Ciao! Infatti immaginavo che qui non ci fossero! Si la tavolozza bagnata me l'aveva suggerita Ale!Va benissimo! Ma quello che vorrei io,e forse non esiste ancora,sarebbe un acrilico che risulti sulla tela piu' morbido e sfumabile tipo l'olio e che pero' asciughi in tempo minore dell'olio!

Ci sono gli alkidici,che asciugano in 24 ore ma si usano con i solventi per l'olio quindi son piu' o meno come l'olio!

Ultimamente mi sono trovata abbastanza bene coi colori ad olio diluibili in acqua, ma non tutte le marche,solo quelli della Talens!

Scusa se mi sono dilungata! L'acrilico sui sassi credo sia l'ideale, data anche la forma,devi manipolarli! Almeno lo immagino,non so perche' non ne ho mai fatti!

Sulla tela serve molta pazienza, asciuga in un attimo, sfumare come con l'olio è impossibile,io sfumo con un pennello quasi asciutto e poi passo e ripasso ma è snervante!

Baci grazie delle informazioni e grazie.....del duetto asino-bue....se vuoi!:)))

Ernestina ha detto...

Si, ho capito, penso che una soluzione potrebbe essere usare un medium (ha un altro nome in italiano?, non credo.. additivo, forse),ne esistono di molte varietà, allungano il tempo di essicazione in modo da riuscire a "tirare" il colore molto di più. Possono essere aggiunti sia al colore sia all'acqua, però non sono un'esperta e non saprei dire quale "tipo" di medium ti serve, ce ne è un'intera gamma da usare con gli acrilici.
ciao, grazie a te!

Rita B. ha detto...

Di nuovo ripasso dai tuoi tutorial molto ben fatti e utilissi anche per chi non dipinge sui sassi!
Gli acrilici che usi tu li compri in internet? Che rompiscatole, perdonami!
Buon lavoro!

Rita B. ha detto...

ps :scusa "utilissimi":))))

Ernestina ha detto...

Ciao Rita, no gli acrilici li prendo dove capita..quando la nostra amica Barbara Pagliarani aveva il negozio d'arte li acquistavo da lei, adesso che non ce l'ha più devo andare a Rimini o Ravenna ..una scocciatura, ma a Cesenatico non esiste un negozio fornito. Però si trovano bene anche su internet, una volta ho preso i Golden americani dalla ditta Poggi di Roma, pennelli e colori, e li ho ricevuti a domicilio in un batter d'occhio. L'unica nota negativa è che ci sono le spese di spedizione e alla fine costano di più. ciao grazie!

Rita B. ha detto...

Ciao Erne grazie mille! In effetti qui a Mantova non li trovo! Ce ne sono di carissimi tipo i Liquitex o i Pebeo allora uso quello che trovo ma fin'ora non è che siano come intendo io! Certo sulla tela è meglio usare l'olio ma a volte voglio andare avanti in fretta!Ok provo dove mi hai detto da Poggi! Grazie bacioni e buonissimo lavoro!

PS Se tu facessi pubblicita' ad una marca di colori ne venderebbero un casino ,ma credo che tu otterresti lo stesso risultato con qualunque tecnica e anche col colore piu' scadente! Ciaoooo!